Le due giornate di Monumenti Aperti a Sassari, sabato 6 e domenica 7 maggio, prevedono un programma di iniziative volte a valorizzare e conoscere le bellezze della città e del suo territorio.

monumenti aperti sassari 2023

Monumenti Aperti a Sassari il 6 e 7 maggio 2023!

Monumenti Aperti 2023 a Sassari: Si tratta della XVII edizione per Sassari, che partecipa con trentanove siti e cinque itinerari alla manifestazione coordinata dall’associazione Imago Mundi e realizzata grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale e grazie alla disponibilità dei volontari.

Le due giornate, sabato 6 e domenica 7 maggio, prevedono un programma di iniziative volte a valorizzare e conoscere le bellezze della città e del suo territorio.

Dal 6 maggio al 4 giugno sessanta comuni della Sardegna apriranno le porte dei loro beni culturali più preziosi per offrirli al racconto di migliaia di giovani studenti in occasione dell’edizione 2023 di Monumenti Aperti. Accanto alle tante amministrazioni che ormai rappresentano vere e proprie “colonne portanti” della manifestazione anche numerosi enti locali che entrano per la prima volta nella rete, a testimonianza della vivacità dell’iniziativa nata a Cagliari nel lontano 1997. Le amministrazioni locali renderanno disponibili circa 750 monumenti, affidati alla gestione e racconto di oltre 16.000 tra studenti, in netta prevalenza, e volontari.

I MONUMENTI APERTI SASSARI

Anche per il 2023 viene riproposta la suddivisione in quattro percorsi che suggeriscono ai visitatori numerosi siti e luoghi particolarmente rappresentativi che raccontano la storia della città. I monumenti saranno visitabili gratuitamente sabato dalle 17 alle 21 e domenica dalle 10 alle 21. Gli orari di apertura di alcuni monumenti potrebbero non coincidere con quelli della manifestazione.

All’interno del percorso “Nel cuore del centro storico” sono inseriti alcuni dei monumenti cittadini più significativi: Palazzo Ducale con le Stanze e le Cantine del Duca, il Museo Diocesano con la sezione Ori, argenti e paramenti sacri e la Pinacoteca, la chiese di San Michele, San Giacomo e Santa Caterina, il palazzo dell’Insinuazione – sede dell’archivio storico comunale “Enrico Costa”, il Palazzo di Città e la scuola primaria “San Donato”.

La scoperta del centro storico prosegue con il percorso “Dentro le mura”: i ciceroni illustreranno la storia del palazzo Infermeria San Pietro, della chiesa di Sant’Andrea, della Fontana di Rosello, del Palazzo Quesada di San Sebastiano – sede del Circolo Sassarese, del palazzo d’Usini – sede della biblioteca comunale, della Casa Tomè – che attualmente ospita la scuola civica di musica, del palazzo dell’Università e del Seminario Arcivescovile Turritano con la Biblioteca Diocesana.

Si prosegue “Oltre le mura” con la città ottocentesca e i quartieri adiacenti al centro storico. Anche in questo percorso troviamo palazzi e monumenti di grande pregio come il palazzo del Banco di Sardegna, il Museo storico della Brigata Sassari, il palazzo della Provincia con la riapertura della sala Sciuti, recentemente restaurata, e delle stanze della Regina, il palazzo Giordano Apostoli, il palazzo Fondazione di Sardegna, la Biblioteca Universitaria, la Casa Santi Angeli – inserita per la prima volta nel circuito di Monumenti Aperti, la Casa Cugurra, la scuola elementare di San Giuseppe, Villa Sant’Elia, il Padiglione “Eugenio Tavolara”, il Polo museale Santa Maria di Betlem, la cripta della Chiesa di Sant’Agostino – inserita per la prima volta nel circuito di Monumenti Aperti, Casa Dau - Sede dell’associazione “Luigi Canepa”.

Il percorso “Città e territorio, tra storia e natura” riunisce i luoghi della cultura e i monumenti situati nei quartieri periferici e nell’agro: saranno aperti al pubblico il MUNISS - Museo di Ateneo dell’Università degli Studi di Sassari, la chiesa della Madonna di Montserrat, il museo MAS.EDU, il museo delle macchine agricole dell’Istituto “Nicolò Pellegrini”, il Santuario di Nostra Signora del Latte Dolce, le chiese campestri di Sant’Orsola e di San Francesco, per finire con il monumento che rappresenta il valore del patrimonio culturale del nostro territorio, il Santuario prenuragico di Monte d’Accoddi.

LE NOVITÀ

L’edizione 2023 propone una serie di novità assolute e alcune riaperture particolarmente attese dalla cittadinanza.

Sono state inserite per la prima volta nel circuito di Monumenti Aperti la Casa Santi Angeli, con la Grotta della Madonna di Lourdes opera di Monsignor Arcangelo Mazzotti negli anni Cinquanta, e la cripta della chiesa di Sant’Agostino, struttura ipogea ricavata quasi interamente con uno scavo nella roccia calcarea sotto la cappella del gremio dei Viandanti.

Fiore all’occhiello è il palazzo della Provincia, con la riapertura della sala Sciuti, recentemente restaurata, e delle stanze della Regina. I visitatori saranno accompagnati dalla rievocazione storica dell’associazione Quiteria per la promozione storica e culturale.

Dopo la riapertura avvenuta a dicembre, entra a far parte del circuito a pieno titolo il Padiglione Tavolara, con un rinnovato spazio espositivo dedicato al design e all’artigianato artistico. Nei due giorni della manifestazione sarà possibile visitare la mostra “Faccio con la mente / Penso con le mani” realizzata nell’ambito della convenzione tra il Comune e la Fondazione Nivola con il supporto della Regione Autonoma della Sardegna.

Sarà inoltre possibile visitare il “Salone delle botteghe”, mostra mercato di artigianato a cura di Confartigianato Imprese Sassari, e partecipare al laboratorio dell’intaglio con l’artigiano Domenico Cugusi.

Tra le riaperture dei monumenti, dopo l’assenza degli scorsi anni, troviamo la scuola primaria di San Donato, che sabato 6 maggio propone un evento in notturna, dalle 21, durante il quale i piccoli studenti racconteranno alcune figure mitologiche della Sardegna e ricorderanno Franco Enna, illustre pedagogista e scrittore di Sassari. Riapriranno al pubblico quest’anno anche il Palazzo Quesada di San Sebastiano Conte di San Pietro, sede del Circolo Sassarese, il museo delle macchine agricole dell’Istituto “Nicolò Pellegrini” e la chiesa campestre di Sant’Orsola.

Novità del 2023 è “Il Viale della Rimembranza”, percorso che si snoda da corso Vico a piazza Stazione a cura del Museo Muniss dell’Università degli Studi di Sassari. Questo vero e proprio monumento verde, di cui quest’anno ricorre il centenario dell’istituzione, è dedicato ai 354 giovani sassaresi caduti nella Grande Guerra del 1915-18.

Gli itinerari

Oltre ai quattro percorsi, che raggruppano i siti sulla base dell’evoluzione urbanistica della città, vengono riproposti gli itinerari tematici “Thàmus, Sassari museale e culturale”, “Alla scoperta delle Botteghe storiche di Sassari”, “I sentieri rurali” – percorso che permetterà di scoprire gli antichi sentieri che collegavano le località di Logulentu, Badde Tolta, Eba Giara, Filigheddu, Luna e Sole in collaborazione con il CAI Club Alpino Italiano Sezione Sassari - e “I sentieri naturalistici” alla scoperta del Lago di Baratz.

È necessaria la prenotazione per le visite guidate dei “Sentieri rurali” (online sul sito www.comune.sassari.it) e per i “I sentieri naturalistici” (tel. 079 533097 dal lunedì al venerdì 8.30/12.30 – 347 6791906).

Gli eventi

Sono numerose le iniziative organizzate per rendere le visite più piacevoli: intermezzi musicali, concerti, laboratori, mostre, spettacoli itineranti e di storytelling. Il programma completo delle iniziative è disponibile sul libretto in distribuzione, scaricabile nella versione digitale (www.monumentiaperti.com e www.comune.sassari.it).

LE VISITE GUIDATE

Accompagneranno i visitatori gli studenti e le studentesse degli istituti scolastici cittadini: Liceo Scientifico e Linguistico Statale “Guglielmo Marconi”, Liceo Scientifico Statale “Giovanni Spano”, Liceo Classico, Musicale e Coreutico “D.A. Azuni”, Liceo Statale “Margherita di Castelvì”, Liceo Artistico “Filippo Figari”, Convitto Nazionale Canopoleno – Licei, Istituto Istruzione Superiore “N. Pellegrini”, Istituto Tecnico Industriale “G.M. Angioy”, Istituto Professionale per i Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera, Istituto comprensivo “Farina – San Giuseppe”, Istituto Comprensivo "Pertini – Biasi", Istituto Comprensivo "San Donato", Istituto Comprensivo "Latte Dolce Agro".

Di fondamentale importanza è stata l’adesione di Enti, istituzioni e privati che hanno gentilmente aderito alla manifestazione dando la disponibilità all’apertura dei monumenti nonché a tutti coloro che hanno permesso la realizzazione degli eventi collaterali: Ministero della Cultura, Direzione regionale Musei Sardegna, Regione Autonoma della Sardegna - Assessorato degli Enti locali, Finanza e Urbanistica, Provincia di Sassari, Università degli Studi di Sassari, MUNISS - Museo Scientifico dell’Università di Sassari, Biblioteca Universitaria di Sassari, Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” di Sassari, Arcidiocesi di Sassari, Parrocchia Primaziale Metropolitana San Nicola e Santa Caterina, Museo Diocesano, Parrocchia di Sant’Agostino, Parrocchia di Nostra Signora del Latte Dolce, Museo Storico della Brigata Sassari, Fondazione di Sardegna, Fondazione Costantino Nivola, Confartigianato Imprese Sassari, Confindustria Centro Nord Sardegna, Banco di Sardegna, Banca Intesa Sanpaolo, Intergremio Città di Sassari, Gremio dei Sarti, Gremio dei Viandanti, Gremio dei Fabbri, Gremio dei Muratori, Arciconfraternita dell’Orazione e Morte, Confraternita del Santissimo Sacramento, Scuola Civica di Musica di Sassari, Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi Onlus – Sezione provinciale di Sassari, Cooperativa Areté, Associazione Nostra Signora del Latte Dolce, Associazione Corale “Luigi Canepa”, Casa Santi Angeli, Associazione Quiteria per la promozione storica e culturale, Polifonica Santa Cecilia, APS Musicale Dolci Accenti, Associazione Corale In Voce, FIDAPA Sezione di Sassari, International Inner Wheel Club di Sassari, Comitato San Francesco, CAI (Club Alpino Italiano) – Sezione Sassari, Club “Il Volante”, ASD Motori d’Epoca.

INFORMAZIONI

L'Infopoint del Comune di Sassari in piazza d’Italia sarà aperto sabato e domenica dalle 10 alle 21: i visitatori potranno ricevere informazioni sui monumenti, sugli eventi e sui percorsi di visita.

Anche quest’anno verrà riproposto il tour panoramico “Alla scoperta di Sassari con Oreste”, in collaborazione con l’Azienda Trasporti Pubblici di Sassari. Il bus partirà da piazza d’Italia sabato 6 maggio ogni ora dalle 17.00 alle 20.00 e domenica 7 maggio ogni ora dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Sarà necessario prenotare la corsa nel punto informazioni in piazza d’Italia.

Sarà disponibile, come ogni anno, il Servizio di interpretariato LIS in collaborazione con l’Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi Onlus – Sezione provinciale di Sassari.

Sono numerose le iniziative organizzate per rendere le visite più piacevoli e per arricchire il programma della manifestazione.

Nel libretto in distribuzione, scaricabile nella versione digitale (www.monumentiaperti.com e www.comune.sassari.it), è possibile consultare il programma completo della manifestazione e tutte le informazioni sui monumenti, sugli orari di apertura, sulle varie iniziative che arricchiscono l’evento, sulle modalità di prenotazione delle visite guidate degli itinerari “I sentieri rurali” e “I Sentieri naturalistici”.

SCARICA IL PROGRAMMA IN PDF

https://www.comune.sassari.it/