Primavera nel Cuore della Sardegna a Bosa il 6 e 7 maggio 2023, scopri il programma completo scarica la brochure e condividi con i tuoi amici.

Primavera nel cuore della Sardegna 2023 a Bosa

SCORRI LA PAGINA PER IL PROGRAMMA COMPLETO

Primavera nel Cuore della Sardegna a Bosa 2023: La città di Bosa ha origini antichissime, tanto che i primi insediamenti risalgono addirittura alla preistoria con le domus de janas prima e i nuraghi poi e, per la sua collocazione, ha sempre goduto nel corso dei secoli di grandissima attenzione da parte dei popoli che hanno via via dominato la Sardegna.

Bosa fu una delle stazioni fenicie più note e questi insediamenti costituivano dei punti d’appoggio per la navigazione e il commercio tra Africa e Sicilia verso le Baleari e la Spagna da un lato e Corsica e Gallia dall’altro. La Bosa romana, invece, sorgeva in origine molto più a monte dell’ipotetico sito fenicio, sulla strada di Tibula Sulcos, presso l’attuale chiesa di San Pietro.

Nel 1112 (data recentemente messa in discussione e spostata al XIII sec.) fu costruito il Castello dei Malaspina sul colle di Serravalle. Da questo momento ebbe inizio una fase di trasferimento urbano dal vecchio al nuovo sito, conclusosi nel secolo XIV. La vecchia Bosa fu gradatamente abbandonata e i cittadini iniziarono a costruire le loro case ai piedi del castello per averne la protezione, dando origine al quartiere medioevale dall’ancora attuale suggestione storica di Sa Costa.

Nel 1297 il Papa Bonifacio VIII concesse in feudo la Sardegna al re d’Aragona Giacomo II, il quale iniziò a prenderne possesso nel 1323. Risalgono proprio a questo periodo le fortificazioni di numerosi castelli della Sardegna tra cui quello di Bosa. Nel 1308 i Malaspina vendettero i loro diritti sulla Planargia compreso il castello a Mariano II d’Arborea. Il castello e il suo borgo passarono, con l’arrivo degli aragonesi, prima al giudicato d’Arborea, poi il territorio fu di nuovo in mano ai Malaspina fino al 1330 quando lo cedettero definitivamente allo spagnolo Pietro Ortis a cui si deve l’ampliamento della cinta muraria con la creazione di una torre pentagona. Nel 1499 Ferdinando il Cattolico la dichiara Città Reale con tutti i privilegi e gli onori e lasciando il castello infeudato all’ammiraglio Villamarì. Mentre la città cresce e progredisce, l’interesse dei feudatari diminuisce e il castello inizia la sua decadenza e, nel 1571, viene abbandonato dai soldati. Nell’Ottocento Bosa conobbe un notevole risveglio economico, soprattutto nel 1807 quando divenne Capoluogo di provincia, sede della Prefettura e Intendenza.

Nel 1887 venne inaugurato l’acquedotto a ricordo del quale fu edificata la fontana in trachite rossa e marmo che oggi si trova al centro di Piazza Costituzione. Insieme all’acquedotto venne realizzata la rete fognaria e nel 1870 fu costruito un nuovo porto, formato dalla scogliera che univa l’Isola Rossa alla sponda sinistra del Temo.

Programma di Primavera nel Cuore della Sardegna a Bosa 2023

Il 6 e il 7 maggio, a Bosa, arriva la Primavera nel Cuore della Sardegna! Ecco il programma completo della manifestazione:

Entrambi i giorni:

dalle ore 10:00 alle ore 20:00:

  • Stand dell’agroalimentare;
  • Cooking Show, a cura dell’U.C. Regionale;
  • Degustazioni varie.

| P.zza IV Novembre

Esposizione artigianato e dimostrazione delle arti e mestieri tipici del territorio: 

  • Lavorazione e realizzazione dei cestini, delle nasse da pesca e del legno del “Maestro d’ascia”;
  • Lavorazione ed esposizione del filet bosano;
  • Lavorazione dell’asfodelo: la Maestra e le allieve.

| C.so Vittorio Emanuele, Via Carmine

  • Apertura delle cantine della Malvasia di Bosa doc con degustazioni dei vini, accompagnati dai piatti della tradizione: Cantina Columbu, Cantina Angioi, Cantina Madeddu, Cantina Silattari, Cantina Oggianu, Cantina Pusceddu, Cantina Masia

| C.so Vittorio Emanuele

  • Area giochi e animazione per bambini | Viale Giovanni XXIII
  • Canti, balli ed esibizioni dei gruppi della tradizione locale e regionale | Centro storico

I bar e i ristoranti della città proporranno aperitivi e menù a tema, con proposte legate ai prodotti del territorio.

Da visitare:

Dalle ore 10:00 alle ore 20:00:

  • Museo Casa Deriu | C.so Vittorio Emanuele
  • Pinacoteca Melkiorre Melis | C.so Vittorio Emanuele
  • Pinacoteca Antonio Atza | C.so Vittorio Emanuele
  • Museo delle Conce | Via Lungo Temo Scherer

A cura della Coop. Tacs Visits & Tours - Musei Civici Bosa. 

Per gli “Itinerari in Planargia” è obbligatoria la prenotazione (tel. 0785/377043)

ore 9:30 - 12:30 e ore 15:30 - 18:30 | Chiesa di San Pietro 

Dalle ore 10:00 alle ore 19:30 | Castello Malaspina   

A cura della Coop. L'Antico Tesoro

Dalle ore 10:00 alle ore 19:00: Zip Line sul Fiume Temo, a cura dell’Associazione Pro Loco Melkiorre Melis 

Trenino turistico:

Partenze ore 10:00, 11:00, 12:40, 15:00, 16:00, 17:00, 18:00, 19:00 

Percorsi cittadini.

| Partenza da P.zza IV Novembre

Info Point: 

Pro Loco “Melkiorre Melis” | C.so Vittorio Emanuele – P.zza IV Novembre

Visite guidate:

  • Escursione in battello sul fiume Temo accompagnato da un calice di Malvasia di Bosa doc, dalle ore 11:00 ogni ora. A cura del Diving Malesh Bosa (prenotazioni al: 320 5610676) | Banchina “su molle”, vicina al Ponte Vecchio (biglietteria adiacente) 
  • Escursione in QUAD nel territorio di Bosa e della Planargia, con un prestante mezzo 4X4 (è richiesta la patente di guida categoria B), a cura del Bosa Diving Center – Sardegna Explora (prenotazioni al: 335 8189748)

Itinerario (ritrovo alle ore 09:00, durata 3 ore): Tra spiagge e torri spagnole. Dal litorale di Trasnuraghes a Columbargia, Ischia Ruggi e di Foghe.

  • Escursione in KAYAK nel territorio di Bosa, tra fiume e mare pagaiando in ambienti ancora incontaminati lungo il fiume Temo, unico fiume navigabile della Sardegna, e la costa occidentale in direzione Alghero, alla scoperta di solitarie calette dalle limpide acque cangianti e, tra queste, Cane Malu (piscina naturale), Cala e’ Moros e Cala Rapina. A cura del Bosa Diving Center – Sardegna Explora (prenotazioni obbligatorie al: 335 8189748).
  • 1° itinerario: Escursione sul fiume Temo;

2° itinerario: Escursione in mare.

Disponibili Kayak singolo e Kayak doppio.

Dalle 09:30 alle ore 13:00“Lungo il volo dei grifoni” - Escursione naturalistica in un percorso suggestivo con panorami mozzafiato sul mare per ammirare il volo planato di questi splendidi avvoltoi. A cura della Soc. Esedra Escursioni (prenotazioni obbligatorie al: 347 9481337; informazioni in inglese al: 3331958836)

Dalle ore 10:00 alle ore 19:00: “Bosa, la Città dei Mille Colori” – Passeggiata medievale fra gli slarghi e viottoli per godere degli angoli più nascosti del Borgo di Bosa per vivere una visita unica attraverso leggende, aneddoti e racconti.

INFO

Antiche concerie di Bosa sul fiume Temo

Video Sardegna  Bosa e fiume Temo dall'alto